Grecia

Capitale:
Atene

Moneta:
Euro

Periodo migliore:
da aprile ad ottobre

In una parola:
Kalimera (buongiorno)

Vaccini:
Nessuno

Esperienze da vivere:
Gustare una meravigliosa greek salad con la miglior feta e olio d’oliva nei dintorni di Monastirakis; Ammirare un tramonto romantico sorseggiando un bicchiere di ouzo da una terrazza di Santorini; Fare un passo indietro nel tempo scalando la collina che conduce all’antico castello di Nafplio.

Zaino sulle spalle e biberon in mano

viaggio all'avventura con passeggino pronto e biberon nelle mani alla scoperta di una grecia romantica ma al tempo stesso selvaggia oltre che classica

La Grecia è una delle Nazioni più interessanti d’Europa senza ombra di dubbio. Non basta un solo viaggio per poter dire di averla visitata e vissuta. Ovunque si respira storia, si respira arte classica e non si può non immaginare le gesta epiche che l’hanno resa famosa per sempre. 
Per noi questo è stato un viaggio molto particolare perchè è stato il primo in cui ci siamo lanciati all’avventura: zaino in spalle e passeggino tra le mani, con la nostra piccola di 10 mesi!
Nonostante la grande esperienza di viaggio maturata sul campo e nel tempo, ci siamo trovati ad affrontare tante situazioni nuove e caratteristiche di un viaggio con un neonato! Abbiamo cercato di organizzare un itinerario, di tre settimane, che fosse il più variegato possibile ma che fosse alla portata di una bimba così piccola che ancora usa il biberon! Dopo aver visitato la magnifica Atene, in autobus, ci siamo spostati verso una perla del Peloponneso: Nafplio e la epica Epidauro; un viaggio non è tale se non c’è un pizzico di avventura più wild, ed eccoci nelle spiagge selvagge di Naxos dopo tante ore di traghetto nel Mare Egeo tra le spettacolari isole Cicladi. Tempo di relax, cosa c’è di meglio della posh ed elegante Santorini prima di lasciare la Nazione ellenica?

26 maggio Atene (Grecia)

Grecia: culla della democrazia, delle Olimpiadi, della civiltà, della mitologia, dei grandi filosofi e pensatori…
La mitologica, antica bandiera greca sventola imperiosa nella piccola piazza di Monastiraki.
L’Acropoli ti osserva severa dall’alto… maestose colonne a testimonianza che in un’altra epoca la Grecia è stata “magna”, turisti frenetici ovunque, profumo di carne d’agnello o di koulouria (i caratteristici taralli al sesamo), venditori di frutta invitante che attirano la folla urlando…

Ci infiliamo subito nel Flea Market di Monastiraki: tanti negozietti  vendono oggetti antichi o semplicemente vecchi, cianfrusaglie inutili o piccoli reperti insieme ad una miriade di souvenirs!

Un piatto di insalata greca (con una feta e delle olive sublimi) ed un souvlaki (spiedini di carne) di agnello da Thanasis ci danno ufficialmente il benvenuto e ci fanno sentire finalmente in Grecia!

27 maggio Atene (Grecia)

Antica Agorà. Hai sin da subito l’impressione di entrare in un’altra epoca… sembrerebbe quasi  normale incontrare Socrate, serioso appoggiato ad una colonna mentre espone il proprio pensiero o San Paolo predicare il Cristianesimo.

Ti incanti ad ammirare la stoa (galleria coperta a due piani) fatta costruire da Attico, re di Pergamo,150 anni prima della nascita di Cristo o il tempio di Efesto, il più grande esempio dorico di tutta la Grecia… o i bellissimi affreschi bizantini nella chiesetta dei Santi Apostoli…

Non lontano c’è la Biblioteca di Adriano e l’Agorà Romana con la porta di Athena Archegetis e la Torre dei Venti, ogni lato è rivolto verso un punto cardinale ed è caratterizzato da una figura in rilievo rappresentante il vento associato alle varie direzioni.

A Piazza Syntagma, ogni ora c’è il cambio della guardia, non possiamo perdercelo. La cerimonia dei baffuti militari è molto solenne e  sentita oltre che coreografica vista la loro marcia così particolare!

Nora si guarda intorno seduta nel suo passeggino, osserva le bancarelle, i venditori di strada, saluta tutti dispensando tanti sorrisi!

Nel pomeriggio ci perdiamo all’interno del grande mercato di Varvakios di carne e pesce.
Un pò impressionanti le teste di agnello penzolanti in bella vista… non possiamo non comprare differenti tipi di olive e non ci tiriamo indietro quando si tratta di assaggiare qua e là.

28 maggio Atene (Grecia)

Oggi pioviggina ma non ci scoraggiamo.

Visitiamo il meraviglioso Museo dell’Acropoli, moderno e ben organizzato, impariamo così molte cose riguardo la storia del Partenone!

Anche Atene, come tante altre città del mondo, è stata conquistata da molti popoli nel corso del tempo, ed ecco che questo antico tempio degli dei ellenici viene trasformato prima in Chiesa, poi in moschea fino ad essere completamente distrutto e depredato…

Ammiriamo i tanti reperti antichi in mostra, monete d’oro, vasellame, scudi, armi, frammenti di statue…

Pranziamo da Athenswas, un esclusivo ristorantino proprio dinanzi al Partenone!
Gustiamo alcuni piatti tradizionali ma rivisitati in chiave molto moderna e con un tocco creativo ecco che l’insalata greca diventa un’ “ode all’insalata greca” o la deliziosa spigola e per finire un ottimo “galaktoboureko”! Tutto squisito. In fondo una Nazione si scopre anche attraverso il gusto e la sua divin cucina!

Finalmente l’Acropoli. E’ molto emozionante percorrere quei sentieri senza età che hanno assistito alla trasformazione dell’umanità dalla sua creazione (VII secolo a.C.) fino ad oggi…

Osserviamo queste colonne perfette ed orgogliose che da secoli svettano verso il cielo tenendo sotto controllo l’immensa città dalle case bianche.

29 maggio Atene (Grecia)

Secondo il mito, Atena disputò con Poseidone l’onore di dare il proprio nome alla città. Gli dei dell’Olimpo decretarono che il nuovo insediamento dovesse prendere il nome della divinità che avesse lasciato ai mortali l’eredità più preziosa. Atena (anche dea della saggezza) fece nascere un albero di ulivo, simbolo di pace e prosperità; Poseidone (dio del mare) colpì una roccia col suo tridente e la trasformò in cavallo.

Gli dei reputarono che il dono di Atena sarebbe stato più utile alla città, fornendo nutrimento, olio e legno ai suoi cittadini.

30 maggio Atene (Grecia)

Ceramico. Cimitero cittadino dal 12° secolo a.C. fino all’epoca romana, originariamente era un piccolo insediamento abitato da vasai, attratti dall’argilla del fiume Iridanos. A causa delle frequenti piene l’area fu abbandonata e trasformata in necropoli.

Da lì ci rechiamo al tempio di Zeus Olimpio. Il percorso da Monastiraki a Piazza Syntagma è molto turistico, ricco, vivace… quasi stona e contrasta con i vari vicoletti che, più umilmente, si diramano nelle varie direzioni perpendicolari ad esso.

In questi ultimi vedi la vera Atene, quella che arranca, quella dei negozi chiusi ed abbandonati, degli alberghi sprangati, impolverati e dimenticati, di chi vende iphone o rayban tarocchi per strada o cineserie molto scadenti, degli africani coi braccialetti che vogliono regalarti fingendosi jamaicani, la Grecia della crisi economica, dei nuovi poveri che quasi si scontra con la bella e vanitosa Ermou Street.

Il Tempio di Zeus Olimpio è il più grande di tutta la Grecia. I lavori per la sua costruzione durarono circa 700 anni e terminarono addirittura con Adriano.

Quest’ultimo amava molto Atene, anche se, come tutti gli imperatori romani, fece trafugare dalla città molte opere per portarle a Roma. L’arco che porta il suo nome è un solenne monumento di marmo che sorge all’incrocio tra la trafficata Leoforos Vassilissis Olgas e Leoforos Vassilissis Amalias.
La storia antica di Atene è troppo legata alla mitologia tanto che, a volte, è quasi impossibile distinguere il mito dalla realtà.

31 maggio Nafplio (Grecia)

Oggi lasciamo la capitale greca per Nafplio!

Entriamo nel Peloponneso attraverso piccoli villaggetti, avendo così l’opportunità di assaporare e gustare un pò di quella Grecia tradizionale che tanto cercavamo. E in due ore di bus eccoci a destinazione.

Paesini di poche case semplici, vecchi dai volti biblici, bastone tra le mani, giacche troppo grandi seduti in circolo chiacchierano come antichi pensatori; un’anziana vestita tutta di nero torna a casa con una busta di verdura; altarini ortodossi appaiono qui e lì; capre brucano un cespuglio arso dal sole, campi sterminati di ulivi… tante scene che sembravano tratte da films come: “Mamma mia” o “Il mandolino del Capitano Corelli”!

Alloggiamo presso una suite del Grand Sarai Hotel, un meraviglioso albergo situato nel cuore di questa splendida cittadina.

Una fila di ristorantini costeggia il lungomare e ne scegliamo uno a caso! Una buona moussaka (tipico piatto simile ad un mix tra la nostra parmigiana e la lasagna) e la solita insalata greca ci fanno, come sempre, amare questa cucina mediterranea!
Dulcis in fundo: qualche loukoumades, ciambelline a forma di palline servite con miele e cannella, per concludere questo delizioso pranzetto!

01 giugno Nafplio (Grecia)

Nafplio è un dedalo di viuzze dove i colori pastello fanno da padrone, i rododendri che penzolano dall’alto, i gattini che dormono placidamente sulle lunghe scalinate bianche, il profumo di sapone all’olio di oliva e soprattutto gli scorci meravigliosi ad ogni angolo.

E’ situata in una splendida posizione su un piccolo porto dominato dalla fortezza di Palamede; la cittadina è ingentilita da graziose viuzze strette e tortuose, eleganti edifici in stile veneziano e palazzi neoclassici.

 A 45 minuti di bus c’è Epidauro. Questa cittadina godeva di grande fama e considerazione in tutto il mondo greco e romano in quanto luogo in cui si effettuavano cure miracolose.
La gente arrivava da molto lontano per presentarsi al santuario di Asclepio (Dio della medicina) e farsi guarire.
I visitatori di oggi sono attirati verso questo sito archeologico soprattutto per il suo teatro straordinariamente ben conservato.
Il teatro di Epidauro è celebre per la sua eccellente acustica: il suono prodotto da una moneta lasciata cadere nel centro del proscenio può essere udito anche dagli spalti più lontani.

02 giugno Nafplio (Grecia)

La Fortezza di Palamede domina la città dall’alto! Questa vasta e spettacolare cittadella si erge, infatti, sulla cima di un masso roccioso da cui si gode di un meraviglioso panorama sul mare e sull’entroterra circostante.
Costruita dai veneziani, è un capolavoro di architettura militare, le sue mura racchiudono una serie di bastioni indipendenti ubicati in posti diversi della collina ma strategicamente importanti; si può raggiungere anche a piedi scalando gli, apparentemente infiniti, scalini… e nonostante Nora cominciamo la scalata… lei, racchiusa nel suo marsupio ogni tanto lanciava un’occhiata qua e là verso l’esterno…  

Il numero esatto degli scalini è oggetto di discussione, secondo i locali sono 999 ma, in realtà, dovrebbero essere molti di meno!
La vista ed il panorama ti ripagano della fatica della scalata…

03 giugno Pireo (Grecia)

Giornata di mero trasferimento… dal Peloponneso ci spostiamo verso quella che è considerata l’area più pericolosa dell’intera Grecia: il famigerato porto di Atene!

Ktel, il terminal generale dei bus della capitale, è frenetico e fatichiamo ad individuare la giusta fermata del nostro bus, esterna alla struttura.Tra l’altro lo prendiamo nella direzione errata e finiamo col passare più di un’ora in giro in autobus… Nora pranza persino tra una fermata e l’altra!

Trascorreremo una notte qui, nelle vicinanze del porto di Atene visto che domattina, all’alba, avremo il traghetto per una meravigliosa isola delle Cicladi.
Decidiamo di immergerci subito nel caos dell’area portuale tra taxisti traffichini, brutti ceffi, marinai e loschi venditori di iphone7!
Il primo impatto è decisamente negativo ma basta imboccare i giusti viali, le aree pedonali incorniciate da tante boutique alla moda che presto la nostra impressione cambia e ci ritroviamo ad apprezzare anche il Pireo!
Un buon pranzetto da “Poseidon” con souvlaki e kebab di pollo, romantico lungomare con piccoli yacht ormeggiati, trendy bars popolati dagli ateniesi ed alberi di arance (sporche di smog) lungo tutto il viale!

04 giugno Naxos (Grecia)

Scrivo dal terrazzino del nostro appartamentino! Il sole sta calando ed una piacevole arietta profumata alle rose mi accarezza il viso…

Siamo a Plaka, nell’isola di Naxos, la prima delle due isole delle Cicladi che visiteremo in questo viaggio; siamo ospiti dell’Annio Studios! È una struttura molto nuova dalle pareti bianco candido, interni color pastello,  tutto profuma di legno, di pulito, l’arredamento è molto minimale, ti infonde un senso di pace!

05 giugno Naxos (Grecia)

Ci sono luoghi di cui non avevi mai sentito parlare ma che, una volta scoperti, vorresti non lasciare più!

Anche oggi: giornata interamente dedicata al mare… una piccola spiaggia bagnata dal cristallino Egeo…

Dopo aver giocato un po’ con Nora: s’è addormentata concedendoci un paio di ore di break! Viaggiare con i bambini, soprattutto così piccoli, non è per nulla semplice o rilassante, quindi, ogni momento è buono per ritagliarsi un po’ di sano relax!

Nel pomeriggio raggiungiamo, a piedi, Agia Anna, la ricerca di una mayireia (taverna tradizionale) per la cena diventa motivo per gironzolare senza meta ed ecco che, superata una grossa siepe, una piccola spiaggia di nudisti, sbuchiamo dinanzi una delle cappellette ortodosse più pittoresche mai viste!

06 giugno Naxos (Grecia)

Ecco la nostra dolce routine di Naxos: sveglia comoda, colazione leggera, biberon caldo, quattro passi e siamo in riva al mare, due frappè al caffè, giochi con Nora sulla battigia, relax in spiaggia, spuntino con insalata greca e passeggiata al tramonto… in fondo, una parentesi vacanziera, all’interno di un lungo viaggio, ci vuole sempre!

08 giugno Santorini (Grecia)

Dopo vari giorni nella selvaggia Naxos è ora di voltare pagina! Dirigiamoci, in traghetto, verso una meta molto turistica e posh delle Cicladi!
Pittoresco! Non esiste un termine più calzante per cercare di descrivere la magica Santorini.
È proprio come me l’aspettavo!

Santorini è una serie di labirintiche viuzze di acciottolato e tracce di letame di asinello; questi piccoli sentieri salgono e scendono, ogni passo è uno scorcio nuovo, un panorama romantico e dolce; le sue stradine risalgono e ridiscendono nuovamente avvolte nel loro bianco puro intervallato da un blu intenso; s’incrociano per un attimo ma poi salgono verso la sommità di questa isola vulcanica o si tuffano verso il mare… da un lato un quadro ad olio, dall’altro negozietti che vendono souvenirs, spesso molto cari…

Il sapore pungente dello tzatziki (yougurt greco con cetriolo e aglio) fatto in casa e l’aroma dei souvlaki alla griglia sono solo l’assaggio di un repertorio gastronomico tutto da scoprire!

Ci fermiamo dalla storica “Mama’s House” e gustiamo anche i “domatokeftedes” (polpette di pomodoro ripiene di ortaggi) ed un ottimo “saganaki” (formaggio di capra fritto)!

Domani si riparte!

09 giugno Atene (Grecia)

…e dopo un van, un bus, un traghetto, un treno, una metropolitana e 20 minuti in giro a cercare il nostro nuovo appartamentino ateniese: rieccoci nella capitale greca!

Siamo nella zona di Keramikos ,che già conosciamo bene. L’area è molto carina, vivace, piena di localini alternativi ognuno con la propria personalità;  non ci sono turisti in giro, solo ateniesi che sorseggiano l’ouzo (famoso liquore all’anice), questo, oltre ad essere bevuto come aperitivo, è diventato un mezzo per passare un po’ di tempo pigramente con gli amici!

10 giugno Atene (Grecia)

Ci perdiamo tra le bancarelle di Thissio, oggi è sabato mattina e c’è il mercatino  dell’antiquariato con vecchi oggetti, francobolli, monete, cimeli militari, libri ecc. Ci godiamo quest’ultima giornata da ateniesi!

Le strade del centro come al solito brulicano di turisti, in Piazza Syntagma stanno organizzando un gay pride, dalla chiesa ortodossa circostante dei fedeli escono dopo la funzione religiosa, un paio di zingarelli suonano la fisarmonica, un vecchietto vende i biglietti della lotteria, una signora molto distinta mostra dei braccialetti fatti da lei… seduti a tavola dal fedele Thanasis, gustandoci  l’ultimo pranzo greco, ammiriamo Atene che ci passa dinanzi, come un vecchio documentario!

χάρη Ελλάδα

2 Responses

  1. Ciao Ragazzi!
    Vi seguo da tanto su IG e volevo dirvi che i vostri viaggi hanno contribuito un po’ al grande salto e cambiamento che la nostra vita sta vivendo! A settembre nascerà Mattia Giovanni e non smetto di prendere ispirazione da voi e dalla vostra Nora. L’idea di fermarmi e non poter viaggiare con un bambino piccolo mi spaventava, ma da voi ho capito che si può fare! Avete mai fatto un articolo con i consigli pratici per viaggiare con un bambino (medicinali, vestiario, passeggino etc)?
    E mi chiedevo, che età aveva al primo viaggio Nora? Si può viaggiare in mete esotiche, come i Caraibi, anche con un bambino di soli 5 mesi?
    Grazie davvero e spero in una vostra risposta 🙂

    1. Cara Federica, innanzitutto grazie per il tuo supporto! Certo che si puo’ fare e si deve fare… anzi, credo che non ci sia scuola di vita piu’ grande del viaggio, soprattutto per un bambino! Presto pubblicheremo una serie di articoli di viaggio proprio su questo argomento, sul viaggiare con i bimbi dove daremo consigli pratici e racconteremo le cose che abbiamo imparato finora e cio’ che avremmo voluto sapere prima di partire all’avventura con la nostra piccola Nora! In bocca al lupo per settembre!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *