Hong Kong

Capitale:
Hong Kong

Moneta:
Dollaro Hong Kong

Periodo migliore:
Il periodo migliore per visitare Hong Kong  va da marzo a maggio e da settembre a inizio novembre: si evita il gran freddo dell’inverno e il gran caldo estivo.

In una parola:
Zǎoshang hǎo (buongiorno)

Vaccini:
Nessuno

Avvertenze:
– La città è molto popolosa e in perenne attività. Prenotare con largo anticipo l’accomodation.

A tavola:
La cucina tipica cinese la fa da padrona ma ormai, quasi ovunque, grazie al suo spirito cosmopolita si può trovare e gustare qualunque specialità mondiale occidentale ed orientale!

Esperienze da vivere:
Raggiungere la sommità di Victoria Peak (554 mt) per godere una delle visite più celebri di Hong Kong; Fare badloria fino alle prime luci dell’alba nel vivace quartiere di LKF; Inchinarsi dinanzi il maestoso Buddha sull’isola di Lantau.

Passeggiando lungo Tsim Shan Tsui

Hong Kong: città cosmopolita, crocevia tra occidente e oriente, tra business e antiche tradizioni, armonia di grattacieli mozzafiato e natura incontaminata.

Hong Kong, letteralmente: “porto profumato”, una città che non dorme mai.

Città cosmopolita, crocevia tra occidente e oriente, armonia di grattacieli mozzafiato e natura incontaminata, dove la metropoli super moderna si intreccia con la tradizione. Senza ombra di dubbio, i 150 anni di influenza coloniale e i 5000 anni di tradizione cinese hanno dato a questa città una personalità unica.

Impossibile non immergersi nel cuore della pulsante vita locale per assaporare tutto lo splendore di una sterminata varietà culturale fatta ancora di singolari e caratteristiche mescolanze (anche linguistiche) tra passato coloniale e tradizione primordiale.

Da piccolo villaggio di pescatori Hong Kong venne trasformata, sotto il dominio inglese, in un bastione di fondamentale importanza strategica per l’impero britannico nonché in un centro di primaria importanza commerciale e finanziaria.

Hong Kong è visitata spesso nei tempi ristretti di una coincidenza tra due aerei; la città merita invece alcuni giorni per esser apprezzata e scoperta nelle sue mille sfaccettature.

Da Hong Kong è possibile andare pressoché ovunque. Il suo aeroporto è servito dalle maggiori compagnie aeree del mondo ed è un punto di ingresso ideale non solo per la città bensì anche per tutto l’Estremo Oriente.

Durante la visita a Hong Kong è possibile fare i visti per qualunque paese nell’area.

Non c’è tempo per annoiarsi qui, perché le cose da fare sono davvero tantissime.

Ecco 10 attività che vi consigliamo di vivere qui!

Cosa fare se trascorrerete qualche giorno ad Hong Kong?

1 – Victoria Peak

Il luogo ideale per godersi un suggestivo panorama di Hong Kong è senza dubbio Victoria Peak! Si tratta della vetta più alta della città (554 metri), si raggiunge tramite una funicolare in 5 minuti ma badate bene perchè spesso le code per salire sono interminabili! Il Peak Tram (che ha più di cento anni, non ha mai avuto un incidente e rappresenta un’attrazione a sé) si prende  al Peak Tram Lower Terminus in Garden Road (che puoi raggiungere camminando dall’uscita J2 della MTR Central Station).

Una volta in cima, due sono i “poli” d’interesse del promontorio: la Peak Tower e il Lion Kiosk, punti preferenziali dai quali godere di favolosi panorami da copertina, sia di giorno che di notte.
Sulla Sky Terrace 428, per esempio, potrai godere di una vista di Hong Kong a 360°!

Ti consiglio di arrivarci poco prima del tramonto in modo da poter ammirare Hong Kong che si colora di luci.

2 – Spettacolo “A Symphony of Lights” nella Avenue of Stars

Non stiamo parlando di uno spettacolo di luci qualunque: “A Symphony of Lights” è entrato nel Guinness dei primati come lo spettacolo permanente di luci e suoni più vasto del pianeta. Si tratta infatti di 45 edifici lungo la Skyline dell’isola di Hong Kong che “sparano” luci laser verso il Victoria Harbour a tempo di musica.

Questo spettacolo si tiene ogni giorno alle 8 di sera e dura quattordici minuti.

Nonostante lo show si svolga nell’isola di Hong Kong, per ammirarlo bisognerà arrivare sino a Kowloon.
Prendi l’uscita J della MTR Tsim Sha Tsui East Station (penisola di Kowloon) e arriva sulla Tsim Sha Tsui Promenade, dall’Avenue of Stars sino all’Hong Kong Cultural Centre. Ti basta seguire i cartelli!

3 – Visita Central, il cuore finanziario di Hong Kong

Il cuore finanziario di Hong Kong si chiama Central District, in lingua locale Chung Wan, ed è situato nella parte nord-occidentale dell’isola. Deve il suo nome alla fermata della metropolitana “Centrale” e oggi può essere considerato la “Mecca” del lusso e del potere della città: qui si trovano grattacieli, lussuosi negozi e diversi palazzi importanti, come quelli che ospitano i vari consolati, come pure il Governo.

Ma qui si trova anche un pezzo di storia: proprio in questo quartiere, difatti, imboccando Queen’s Road, si potrà percorrere la prima strada della città.

4 – Mong Kok

Mong Kok è una zona commerciale e residenziale tra le più trafficate e frenetiche di Hong Kong, ma merita sicuramente una visita, se non altro per lasciarsi contagiare dalla sua energia inarrestabile. Luci al neon, bancarelle, centri commerciali e negozi di vario genere animano questa area frequentata in particolare dagli appassionati di shopping in quanto proprio qui si trovano due dei mercati più caratteristici della città (Ladies Market e il mercato notturno di Temple Street).
Non mancano anche ristoranti, pub e un’ampia scelta di intrattenimenti.

5 – LKF

LKF, ovvero Lan Kwai Fong, è un popolare distretto di Hong Kong che si sviluppa su una stradina dalla forma a L nel centro della città e rappresenta il fulcro della vita notturna.  Puntellato da quasi 100 locali tra ristoranti, pub e discoteche alla moda, è frequentato da giovani del posto, impiegati, turisti ed expats che si ritrovano dall’happy hour fino alle prime ore del mattino. La proposta è molto variegata e pensata per soddisfare ogni tipo di clientela: si spazia dai club e dai bar più animati fino ai pub più intimi e informali dove sorseggiare una birra e ascoltare musica live.

6 – Nathan Road

Nathan Road è la principale via di Hong Kong e la strada che meglio racchiude la sua essenza cosmopolita e commerciale.  È infatti costellata da negozietti e centri commerciali, ristoranti, caffetterie e hotel di lusso. Pur essendo una delle mete predilette dagli appassionati di shopping, lungo Natan Road si trovano anche edifici storici: Nathan Road è stata infatti una delle prime strade costruite nella zona di Kowloon, dove si estende per 3 km collegando i quartieri di Tsim Sha Tsui e Sham Shui Po. Meritano una visita il leggendario complesso Chunking Mansions, l’antica Chiesa di St. Andrew, mentre se volete rigenerarvi nel verde fate tappa al Kowloon Park.

7 – Mercato notturno di Temple Street

Situato nella penisola di Kowloon, il mercato notturno lungo la Strada del Tempio, conosciuta come Temple Street, è uno scorcio della Hong Kong antica e autentica. Qui si riuniscono commercianti di ogni genere, dall’elettronica all’abbigliamento, dalle pietre preziose al cibo tipico, dai venditori di insetti e uccelli, fino a trovare, lungo la strada, anche numerosi chiromanti che contribuiscono a rendere mistica e suggestiva l’atmosfera.

Gli articoli in vendita hanno prezzi per tutte le tasche e, dopo gli acquisti, consigliamo di fermarsi a mangiare in uno dei numerosi ristoranti per provare la frutta tropicale, i crostacei e tutti gli altri piatti tipici cantonesi. Lungo questa strada, inoltre, si trovano anche diverse vecchie cliniche dove è possibile farsi curare ricorrendo alla medicina tradizionale cinese.

8 – Tian Tan Buddha e isola di Lantau

L’imponente effige di Buddha sovrasta Ngong Ping, sull’isola di Lantau, la più larga e selvaggia di tutto il territorio di Hong Kong, seppur la meno densamente abitata.

La statua del Buddha Amoghasiddhi, realizzata nel 1993 e collocata all’interno del Monastero di Po Lin, è in realtà un mausoleo alto ben 34 metri ed è raggiungibile con una scalinata di 268 gradini! Rappresenta il simbolo dell’unione tra l’uomo e la natura. Nonostante l’impresa titanica da sostenere, il Tian Tan Buddha è preso ogni anno d’assalto da fedeli e semplici curiosi.  

9 – Ocean Park

Hong Kong è anche una delle capitali mondiali del divertimento, grazie al suo grande parco divertimenti acquatico, dove poter guidare un autoscontro e, contemporaneamente, ammirare estasiati specie faunistiche locali, dai pesci ai famosi panda.

Il Parco è suddiviso in due macroaree, il Waterfront e il Summit, a loro volta suddivise in otto zone di attrazione: Amazing Asian Animals, Aqua City, Whiskers Harbour, Marine World, Polar Adventure, Adventure Land, Thrill Mountain e Rainforest. Gli amanti dell’adrenalina non perderanno l’area Thrill Mountain, con almeno cinque giostre da far perdere la voce, mentre gli appassionati di animali ameranno la zone Rainforest, una foresta pluviale dove sono insediate dozzine di specie di animali differenti, che guidano i visitatori alla scoperta della biodiversità.

10 – Macao

A pochi passi da Hong Kong sorge la piccola: Macao. Definita la capitale del gioco d’azzardo, non solo asiatica, ma di tutto il mondo, si contraddistingue per la particolarissima architettura urbana, di chiaro richiamo portoghese (in quanto ex-colonia del paese europeo), per una gastronomia del tutto opposta a quella di Hong Kong e per il clima tropicale molto umido, influenzato dai monsoni… ma questa è un’altra storia!

2 Responses

  1. Spot on with this write-up, I truly suppose this website wants much more consideration. I’ll probably be once more to read far more, thanks for that info.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

iscriviti alla TRAVEL LETTER

Restiamo connessi!!!

Assicurazione di viaggio

sconto del 10% con codice: TRAVEL10

Seguici su INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

Born2travel - VIDEO

Ultimi Articoli dal Blog