Bangkok

15 cose interessanti da vivere a bangkok

Caotica, intrigante, opprimente, sporca e con un clima decisamente torrido ma anche accogliente e cosmopolita: Bangkok è una di quelle città che ti colpisce di sicuro, noi l’amiamo così, con tutti i suoi pregi e difetti.

Dai mercati gremiti di gente ai templi in cui trovare pace e tranquillità, ecco qualche dritta per voi  per vivere questa città nel modo più autentico.
E se nonostante i nostri consigli non vi sentirete affascinati, potrete sempre viaggiare verso il Sud del Paese e visitare alcune delle spiagge più belle del mondo.

La città degli angeli, quella dal nome più lungo e complicato al mondo: Krung Thep Mahanakhon Amon Rattanakosin Mahinthara Yuthaya Mahadilok Phop Noppharat Ratchathani Burirom Udomratchaniwet Mahastan Amon Phiman Awatan Sathit Sakkathattiya Witsanukam Prasi.

Qui daremo qualche suggerimento su cosa fare per viverla appieno:

1. Perdersi in uno dei labirintici vicoletti di Chinatown

Percorrete Yaowarat Road, nel quartiere di Chinatown, e lasciatevi guidare dal vostro naso fino al giusto “ristorantino” street food! Avrete l’imbarazzo della scelta, qui, dove ogni buco diventa un ristorante e dove ogni spazio libero di strada un chioschetto di prelibatezze da gustare gomito a gomito con dei locali, perfetti sconosciuti! Chinatown ti inghiotte, ti inebria coi suoi odori, i suoi profumi, ti rapisce con i suoi vicoletti intriganti e misteriosi. Ottima zona per i vostri acquisti e punto strategico per visitare la città. Qui potreste soggiornare presso l’Hotel W22, stanze carine, colazione continentale e ottimo rapporto qualità prezzo.

2. Prendere un tuk-tuk

Spostarsi a Bangkok con il tuk tuk è il modo più pittoresco per vedere le meraviglie della città. Un divano accogliente con un motore solitamente potente, un tettuccio colorato, casse che ti distruggono i timpani. È il mezzo idoneo per schivare taxi e camion, oltre che il mezzo più veloce per gironzolare per la città. Consigliamo una mascherina per lo smog!

3. Vasche lungo Khao San Road

Descritto in “The Beach” come il “centro backpacking dell’universo”, viale estremamente turistico da vedere e vivere almeno una volta. Tratto di strada con bar, alberghetti, agenzie di viaggio, ristorantini e saloni per massaggi e personaggi loschi che vi offriranno di tutto. È di sicuro il luogo migliore per organizzare escursioni in tutta la Thailandia o farsi un tatuaggio.

4. Mangiare insetti

Cavallette? Locuste? Ragni? Ignorate il guscio duro o le tenaglie o l’aspetto poco invitante, assaporate il gusto di alcuni insetti dolci e salati. Da provare almeno una volta, non sono così malvagi come sembrano!

5. Attraversare Bangkok in barca

Navigate lungo il Chao Phraya River su una delle lunghe e poco eco-friendly barche; questo è un altro modo per godere la cultura della città. Si può addirittura fare qualche acquisto, guardare la gente al lavoro e vedere monumenti epici sullo sfondo da un punto di vista insolito.

6. Street food

Un must. Noi mangiamo solo quello in Thailandia. Pad thai, noodles o fried rice cotto nei luoghi più disparati. Qui, ogni piccolo buco diventa una cucina con qualche tavolino e sedie in miniatura per gli avventori. Vi troverete a mangiare in un vero e proprio caos privo da privacy ma così dannatamente thailandese!

7. Day trip ad Ayutthaya

La vecchia capitale di Siam, nella valle del fiume Chao Phraya; la città, a meno di un’ora da Bangkok, è ricca di templi e rovine religiose, vi sembrerà di fare un passo indietro nel tempo e fa bene per disintossicarsi dal caos della capitale thai.

8. Visita al Floating Market

Imperdibile la visita ad uno dei tanti mercati galleggianti per acquistare spezie, souvenirs ma soprattutto vedere una delle cose più caratteristiche della Nazione oltre che far sbizzarrire la vostra arte fotografica!

9. Una lezione di cucina

Tornare a casa con nuove competenze per una cenetta con gli amici non ha prezzo perciò abbiamo scelto la Roschas Culinary School all’interno del magnifico Akara Hotel per imparare qualche ricetta nuova! In fondo anche il palato gioca un ruolo fondamentale per capire a fondo la cultura di un luogo quando si viaggia!

10. Visita al Wat Pho

La visita al Buddha disteso è un altro must! 15 metri di altezza per 46 di lunghezza, ogni piede misura 5 metri! Interamente ricoperto di foglie d’oro. Impressionante e maestoso!

11. Farsi fare un massaggio thai

Uno dei massaggi più celebri al mondo. Quale occasione migliore, tra una visita e l’altra, quella di lasciarsi coccolare dalle sapienti mani di una massaggiatrice che esegue tecniche vecchie di migliaia di anni.

12. Assistere ad un incontro di Muay Thai

Ovunque ci sono stadi di questa antica e cruente arte marziale che nacque proprio in Thailandia nel 200 a.C. quando poteva essere praticata solo nell’ambito della famiglia reale. Oggi il Muay Thai è lo sport nazionale e qui se ne parla ovunque, un po’ come il calcio in Italia, il cricket in india o il basket negli Stati Uniti. Una serata allo stadio, immersi tra i locali, è di sicuro un’esperienza che non può mancare, magari al Lumpinee Boxing Stadium.

13. Lasciarsi coccolare in un hotel 5 stelle

Scegliete uno dei tanti alberghi di lusso della città, noi abbiamo optato per l’Akara Hotel! Scelta giusta! La classe, l’eleganza, la professionalità dello staff non ha eguali al mondo. Già all’ingresso si respira un profumo di buono, andate al 16° piano dove, tra un tuffo in piscina e un drink gelato potrete ammirare lo stupefacente skyline di Bangkok. Che dire poi delle stanze? Delle vere e proprie suite dove nessun dettaglio è trascurato e dove troverete pace e relax dopo aver girovagato tutto il giro per la caotica città!

14. I bagni per trasgender 

E’ curioso trovarsi, quando si va in bagno, davanti a 3 porte. La Thailandia – un paese liberale in termini di sessualità e tolleranza nei confronti dell’identità di genere – è stato uno dei primi paesi al mondo a introdurre bagni riservati ai transgender. Insieme ai bagni maschili e femminili che è possibile trovare ovunque, in molti bagni pubblici di Bangkok vi sarà possibile trovarvi di fronte alla terza porta per lady-boys.

15. Saluti 

E’ ora di salutarci! Quando i thailandesi si incontrano, non si stringono la mano. Il saluto abituale è il Wai, con le mani giunte come per pregare. Per tradizione, più alte vengono tenute le mani, più rispettoso è il saluto; così è facile, osservando due persone, indovinare quale sia il loro rango relativo. Sawadee

2 Responses

    1. Really happy that you have appreciate it. Bangkok is a fabolous city and soon we’ll post the reportage of our trip around the whole Thailand. check it out and stay tuned

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

iscriviti alla TRAVEL LETTER

Restiamo connessi!!!

Seguici su INSTAGRAM

Born2travel - VIDEO

Ultimi Articoli dal Blog

Scopri la città