Iran

Capitale:
Tehran

Moneta:
Rial

Periodo migliore:
da Marzo a Novembre

Vaccini:
Consigliata antitifica

In una parola: 
Masha’allah (così vuole Dio)

Esperienze da vivere:
Sorseggiare un the al tramonto nella piazza Enam Khomeini di Isfahan; Perdersi nei vicoli labirintici di Yazd; Vivere in una casa tradizionale di Kashan

Alla scoperta dell'antica Persia

viaggio via terra e con una bambina di un anno contro gli inutili pregiudizi di chi considera ancora l'iran come un luogo pericoloso. da yazd a tehran esplorando una terra preziosa abitata da gente dal cuore d'oro

Nonostante mille timori sul partire per questa terra lontana e considerata ancora “pericolosa” con una bambina di un anno al seguito, decidiamo di farci forza e di partire per questa avventura. Scopriremo presto che tutti i pregiudizi sono infondati incontrando uno dei popoli più generoso ed ospitale del mondo. Partiamo da Yazd, nel sud dell’Iran, risalendo, lentamente, via terra, verso la capitale attraverso alcune delle città più storiche e tradizionali della vecchia Persia.

08 settembre Tehran (Iran)

L’Iran ti intimorisce… lo sguardo duro di Khomeini nei manifesti sparsi per la città sembra ammonirti e ricordarti di “comportarti bene” in questa nazione che ci ospiterà.
Comportarsi bene” è relativo in un Paese dove i militari controllano il velo delle donne, dove i fidanzatini non possono passeggiare mano nella mano ma dove è considerato sensuale rifarsi il naso o le labbra

Ci colpisce la cortesia gratuita degli iraniani, il loro farsi in quattro per cercare di darti una mano quando ti vedono in difficoltà con una mappa tra le mani per strada, il loro voler “attaccar bottone” con lo straniero per ascoltare storie di un altro mondo, un mondo lontano e spesso quasi proibito dalla burocrazia ma soprattutto per raccontare… spiegare la propria storia per abbattere antichi pregiudizi che tuttora “frenano” il turismo occidentale. La loro spontanea socievolezza e cortesia è disarmante.

Si vede che le ragazze sono stanche di questo velo, lo si vede da come lo indossano lasciando scoperto quasi tutto il capo… c’è aria di cambiamento, di modernizzazione!

Tehran è immensa! Conta una dozzina di milioni di abitanti che contribuiscono attivamente a rendere il traffico cittadino infernale! È veramente allucinante, senza regole, tutte queste vecchie auto scassate che circolano, ti sfiorano, ti soffocano con i loro gas velenosi.

Ci ospita una famiglia di couchsufers: Meysam, la moglie Tina e la figlia Parmisa; ci accolgono con una cenetta tipica iraniana, seduti a terra, su vari tappeti persiani, tra specialità locali trascorriamo una bella serata in amicizia.

09 settembre Tehran (Iran)

Ci immergiamo nei vicoli tentacolari del Grand Bazar, il mercato più grande della Nazione; è come una città nella città, comprende 10 kmq di negozi coperti, è la Wall Street della città, il luogo dove vengono fissati i prezzi dei beni di prima necessità, comprende varie moschee, pensioni e persino una chiesa.

Golestan Palace. Patrimonio dell’Umanità, questo monumento alle glorie della dinastia qajar si trova in quello che un tempo era il cuore di Tehran. Il Palazzo è impreziosito da sofisticate decorazioni, dipinti, specchi in stile europeo che testimoniano l’ossessione dei regnanti dell’epoca per l’Europa e la Francia.

L’Iran è sorprendente, quando passi per strada tutti ti sorridono, ti salutano, molti si fermano a giocare con Nora, le danno caramelle, pane e carezze, sussurrando: “welcome to Iran”.
E pensare che a casa tutti ci dicevano “state attenti, non date confidenza”…
Qui è praticamente impossibile non darla, al Parco E-Shahr, alcune ragazze ci invitano al loro pic-nic offrendoci the e frutta. La loro gentilezza ti lascia senza parole.

10 settembre Tehran (Iran)

Museo dei tappeti persiani. Non avevo mai considerato l’immenso lavoro che c’è nella creazione di queste opere d’arte. È incredibile la difficoltà dei particolari, il grande numero di nodi di tessuto per cm o millimetro. Ho visto alcuni tappeti che contavano 70-80 nodi in 7 cm e parliamo di tappeti di anche 5 metri.

Alcuni tappeti sono davvero eleganti e solo ora capisco il motivo del loro valore!

Con un taxi preso grazie a “Snapp”, raggiungiamo il Tajirish Bazaar.
Snapp” è un’app estremamente utile in Iran, richiedi un passaggio da un punto all’altro della metropoli, quando accettato, ti appaiono i dati del driver ed il prezzo, molto economico… lo useremo praticamente tutti i giorni nelle città più grandi e non hai nemmeno bisogno di acquistare una SIM locale perché basta chiedere per strada e tutti saranno pronti ad aiutarti chiamandolo per te.

Tajirish Bazaar, è un mercato molto colorato dove si vende di tutto. I suoi vicoletti strettissimi brulicano di gente, gli odori di coriandolo appena macinato si mescolano a quelli dei vari incensi. È entusiasmante passeggiare senza meta perdendosi senza troppi pensieri.

11 settembre Yazd (Iran)

Oggi voliamo verso il sud dell’Iran, nell’area desertica, speriamo solo non faccia troppo caldo.

Con i suoi vicoli tortuosi, stretti, veri e propri labirinti di fango e paglia, le torri del vento e le case basse della città vecchia, Yazd ci accoglie in un caldo pomeriggio di settembre!
Gli alti bagdir (torri del vento) costruiti per raccogliere ogni più piccolo movimento d’aria calda che, passando attraverso una vasca di acqua fredda, la rinfresca e la diffonde dando un leggero refrigerio!

Incastonata tra il deserto settentrionale di Dasht-e Kavir e quello meridionale di Dasht-e Lut, Yazd è un piccolo gioiellino nel sud.

Alloggiamo presso il Silk Road Hotel, un’antica casa tradizionale, dinanzi alla Jameh Mosque. Un luogo magico e pittoresco. Il cortile interno è molto curato, elegante nel suo folklore, c’è una piccola vasca d’acqua al centro e tanti divani tutto intorno. Ottimo anche il ristorantino interno che ti dà l’opportunità di assaggiare tante specialità del posto, imperdibile la carne di cammello! Grazie Alì per la calorosa accoglienza.

12 settembre Yazd (Iran)

Se esci nel primo pomeriggio a Yazd non trovi nessuno in giro, tutti i negozi chiusi… la sera, invece, non hai neppure lo spazio per muoverti!
Jameh Mosque domina la città vecchia, di notte poi, diventa incantevole. Il suo portale è tutto piastrellato ed i colori blu turchesi, al tramonto, sono davvero da brividi. I suoi minareti sembrano che facciano da guardiani a questa città color biscotto.

Complesso Amir Chakhmaq. Uno degli edifici più riconoscibili di tutto l’Iran, ampie e profonde nicchie tutte in fila che si affacciano su una bella piazza, ti fanno sognare e immaginare come poteva essere l’antica Persia.

Di fronte c’è il bazar dell’oro. Mi si avvicinano curiosamente un gruppetto di ragazzine, mi guardano sorridendo e mi fanno capire che non parlano inglese… un mercante mi dice che quelle donne non parlano neppure il farsi: sono afghane!

Finiamo a pranzare da Malek-o-Tojiar, un delizioso ristorantino all’interno di una splendida casa tradizionale.

Dall’alto della terrazza di un albergo, in uno degli innumerevoli vicoletti, godiamo di un tramonto da favola… le cupole, i minareti, i bagdir, tutto era al posto giusto sotto una luce calda, dorata, perfetta!

13 settembre Toudeshk (Iran)

Quando un imprevisto ti porta a vivere un’esperienza straordinaria.
Questa mattina dovevamo andare a prendere il bus per Abarkooh, nel tragitto in taxi dall’albergo al bus terminal, veniamo a conoscenza della difficoltà di poter raggiungere Isfahan da Abarkooh, nostra tappa successiva… in pochi minuti cambiamo tutti i programmi, riusciamo a: cambiare il biglietto del bus, prenotare un nuovo hotel, disdire il precedente, imparare che in Iran esiste un villaggio chiamato Toudeshk e partire!”

Non dimenticherò mai la faccia e l’espressione del baffuto autista del nostro bus da Yazd a Toudeshk…  dove? Neppure la Lonely Planet menziona questo piccolo villaggio di fango tra Nain ed Isfahan… ma non avevamo alternative!

Dopo tre ore di viaggio lungo un paesaggio desertico molto arido dove molto raramente appariva un piccolo paesino attorno ad una moschea… improvvisamente il bus si ferma…  guardiamo fuori dal finestrino… il nulla… 35° gradi… tutti i passeggeri si guardano interrogandosi se fosse successo qualcosa… il driver si avvicina urlandoci: Toudeshk!
Scendiamo… il driver poggia i nostri zaini sul terreno polveroso e, preoccupato, ci guarda con un’espressione molto eloquente: “Ed ora che fate qua?”

Noi la prendiamo con filosofia, fingendo che sappiamo ciò che stiamo facendo, gli sorridiamo augurandogli buon viaggio! Il bus riparte… la scena è comica… persino Nora ci guarda perplessa!

Scoppiamo a ridere e ci avviamo verso l’unica baracca… spunta un uomo grassoccio, ci guarda e dice: “Mohammad Jalali” (il nome del proprietario della Guesthouse prenotata dal bus terminal)… quasi fosse una parola in codice, annuisco e due secondi dopo ci ritroviamo ammassati a bordo di un pick up con i nostri zaini e passeggino nella parte posteriore tra sacchi di cemento e calce!

Varcato l’uscio del Tak Taku Guesthouse… un’oasi del deserto… pace, tranquillità… Mohammad ci accoglie assonnato.

Ci racconta la sua storia: quando era bambino vedeva gruppi di ciclisti e motociclisti europei che, percorrendo la via della seta, si recavano in India o Cina… Molti si fermavano a Toudeshk dove, allora, non esistevano alloggi… tutto comincia per gioco, senza conoscere l’inglese, inizia ad “ospitare” questi uomini che provenivano da così lontano… li aiuta a piantare le tende nel cortile della vecchia casa dei suoi genitori, offre loro acqua calda per la doccia e piano piano matura l’idea di costruire qualcosa… con enormi sacrifici nasce la sua amata guesthouse.

Facciamo due passi per il piccolo villaggio di fango… incontriamo donne che si avvicinano per salutarci e darci il benvenuto… Giungiamo alla magnifica moschea dove Mark si ritrova a giocare a ping pong con dei ragazzi del luogo mentre Nora corre e scherza con delle bambine.

Nora, dolce amore. La vedo felice, la vedo interagire con bambini così lontani geograficamente e culturalmente da lei e, al tempo stesso, vedo che non importa la lingua, le tue radici: i bimbi sono bimbi, giocano e si divertono, si sorridono e si accarezzano. Amo il mondo e amo mia figlia nel mondo che ogni giorno ci regala momenti unici ed irripetibili.

In serata mangiamo a terra tutti assieme, parliamo, ridiamo e ammiriamo questo magico luogo che, di notte, illuminato, diventa ancora più incantevole.

14 settembre Isfahan (Iran)

In taxi arriviamo, facilmente, ad Isfahan!

Isfahan è strepitosa. È definita: il capolavoro dell’Iran, il gioiello dell’antica Persia, una delle città più belle del mondo islamico. I raffinati mosaici delle piastrelle azzurre degli edifici, il suo vasto bazar ed i suoi romantici ponti ti conquisteranno subito.

È una città che si visita a piedi perdendosi nel suo bellissimo bazar, oziando nei suoi stupendi giardini sorseggiando un tè e scambiando due chiacchiere con i curiosi e socievoli abitanti.

Isfahan è soprattutto il luogo in cui assaporare le raffinatezze della cultura persiana, evidenti in Imam Square, nel Palazzo di Ali Qapu, Imam Mosque e nelle zone circostanti.

Il Ponte Khajoo illuminato al tramonto, un piatto di pollo o halil (passato di melanzane, formaggio e curcuma) accompagnato da un gustoso humus, una passeggiata lungo Khajoo Avenue mentre la frenetica vita cittadina ci passa davanti agli occhi sono solo alcune delle cose che abbiamo apprezzato finora.

Alloggiamo presso il Khajoo Hotel, un bellissimo hotel 4 stelle aperto da pochi mesi, sicuramente la miglior scelta per chi visita questa pittoresca città, ospiti del grande Meysam.

15 settembre Isfahan (Iran)

Jolfa. Quartiere armeno di Isfahan. Risale ai tempi dello Scià Abbas I che trasferì, in massa, questa grande colonia cristiana dalla città di Jolfa, nord Iran, ad Isfahan.

I cristiani armeni erano molto ricercati per la loro bravura come mercanti o artisti, basta guardare le pareti interne della cattedrale di Vank per comprendere la loro abilità ed arte.

16 settembre Isfahan (Iran)

Nella Moschea di Jameh incontriamo Alì, un giovane imam, è seduto dietro un tavolino con un cartello “free talk about islam”. È sempre molto interessante confrontarsi con persone così diverse da noi e ne approfittiamo per scambiare due chiacchiere con lui.
Alì è uno studente del Corano, indossa una tunica marrone ed un turbante nero (indica che è un lontano discendente di Maometto).

È un religioso e, in quanto tale, punto di riferimento per la gente che può consultarlo per qualunque problema morale…

Bazar di Bozorg. Mi colpiscono gli abiti da donna colorati, corti, brillantinosi, l’intimo sgargiante, scarpe con tacchi vertiginosi… poi ti guardi intorno e vedi tutte le donne coperte di nero…

Ti chiedi come possa essere la loro vita a casa, con i propri familiari, durante le loro feste… sono donne così belle e, sotto quei veli, nascondono davvero un mondo. Attentissime al trucco, alla nail art, alla cura del corpo

17 settembre Abyaneh (Iran)

Abyaneh, piccolo villaggio pittoresco e patrimonio mondiale dell’UNESCO. I suoi vicoli ripidi e tortuosi, fatti di fango e pietre, si snodano tra le case color ocra con le grate alle finestre e piccoli e fragili balconi in legno.

Adagiata ai piedi del monte Karkas, Abyaneh è rivolta ad est per ricevere il massimo di ore di sole; d’inverno deve fare molto freddo qui… le case furono costruite l’una accanto all’altra per difendersi dalle frequenti incursioni dei predoni…

È una città di 2500 anni con pochissimi abitanti a circa 2000 metri d’altitudine. Le donne indossano chador fiorati e gli uomini lunghi pantaloni neri molto larghi, addirittura hanno mantenuto il proprio dialetto arcaico.

Entrare in questo piccolo villaggio è stato come fare un passo indietro nel tempo.

18 settembre Kashan (Iran)

E’ difficile descrivere la bellezza delle antiche case tradizionali iraniane.
Visitiamo Khan-e-Abbasin. Un complesso di sei edifici su diversi livelli, gli stucchi sulle pareti sono eccezionali, le vetrate, gli specchi: luce per gli occhi…

Khan-e-Tabatabei. Costruita nel 1834 da un facoltoso mercante di tappeti, è caratterizzata da intricati rilievi scolpiti nella pietra, le vetrate istoriate, gli stucchi e la sala degli specchi faranno impazzire ogni macchina fotografica!

Godiamo di una bellissima vista sulla città dal tetto dell’hammam del sultano Mir Ahmed. L’interno è tutto piastrellato delle tonalità del giallo e del blu… chissà come doveva essere ai tempi del sultano! Davvero un posto da mille e una notte!

Kashan è la città più ricca dell’Iran in termini di architettura, ovunque ti giri ci sono caravanserragli con soffitti mozzafiato, ricche case tradizionali finemente decorate e molto eleganti.

19 settembre Kashan (Iran)

Si dice che i Re Magi siano partiti proprio da Kashan per andare ad onorare la nascita di Gesù a Betlemme. Il fatto potrebbe essere vero visto che i Magi erano sacerdoti zoroastriani.

Kashan è la città più ricca dell’Iran in termini di architettura, ovunque ti giri ci sono caravanserragli con soffitti mozzafiato, ricche case tradizionali finemente decorate e molto eleganti.

20 settembre Tehran (Iran)

Lasciamo Kashan per rientrare nella capitale, il luogo più strategico per iniziare e finire un viaggio del genere.
Il viaggio in VIP bus di tre ore trascorre abbastanza velocemente, un po’ meno l’ora di taxi nella congestionata, trafficata ed inquinata
Tehran.

Ecco, forse questa è l’unica cosa che non mi piace dell’Iran: il suo traffico incontrollato, senza regole e l’asfissiante smog!

Quanto ci hanno colpiti questi splendidi iraniani. In ogni luogo abbiamo incontrato persone speciali che, con gratuita generosità, hanno cercato di accoglierci nel migliore dei modi. Sono belli, sono puri!

Vedi papà affettuosissimi con i figli e con le proprie mogli, dolci nei modi. Molti ci hanno confidato che non vorrebbero che le mogli indossassero il velo ma lo Stato lo impone; vorrebbero vederle libere, libere di esprimere se stesse! Quanti pregiudizi che il mondo ha nei confronti di tutto ciò che è collegato all’islam.

Quante volte mi son sentito dire, parlando dei tanti falsi pregiudizi: “Noi iraniani siamo come voi Occidentali”… Non è vero cari amici… voi siete migliori di noi!

21 settembre Tehran (Iran)

Trascorriamo queste ultime ore nell’immenso parco di Sa’d Abad dove visitiamo il Palazzo Bianco, residenza estiva dello Scià e rimaniamo incantati da un tappeto di 140 mq con 150 nodi per pollice. Impressionante!

Tempo di impacchettare tutto… anche questa esperienza volge al trmine. grazie Iran per tutto ciò che ci hai insegnato!

42 Responses

  1. Bello , come avete prenotato dall’ Italia? Il visto si può fare in aeroporto! Da quel che ho capito non avete utilizzato guide private ! Volevo andare alla fine di luglio ed agosto.Giuseppe

    1. Ciao Giuseppe, il visto lo devi ottenere prima di partire o tramite ambasciata o tramite agenzia e se ti serve posso consigliartene una davvero efficiente di milano. Tutte le prenotazioni fatte o sul posto o tramite google prima di partire e tutto in autonomia senza guide

  2. A wonderful job, so interesting and emotional, thanks a lot, kind regards and love to you and your lovely family specially for that sweetheart beautiful Nora, God bless.

    1. Thank you so much dear Shadi… we have lived a wonderful adventure in your interesting country

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *